il blog del Don Bosco Ranchibile

giovedì 29 ottobre 2015

La legge del camion della spazzatura

David era di fretta, il suo treno sarebbe partito tra meno di mezz'ora e le previsioni del traffico non presagivano nulla di buono. Senza pensarci troppo saltò sul primo taxi libero, in direzione della stazione. Il taxi giallo sfrecciava sulla corsia preferenziale, quando all'improvviso una macchina scura sbucò da un parcheggio poco più avanti: il tassista premette con tutta la sua forza il pedale del freno e le ruote iniziarono a fischiare. Dopo alcuni secondi, che erano sembrati interminabili, il taxi finalmente si fermò, a pochi centimetri dalla macchina scura.
David aveva il cuore in gola, ma le sorprese non era ancora finite. Il guidatore disattento, non solo non si scusò, ma iniziò ad inveire contro il tassista, per poi andarsene con un bel dito medio che sporgeva dal finestrino. David non poteva crederci: quel tizio stava per causare un'incidente potenzialmente mortale ed invece di scusarsi si era comportato da perfetto cafone.
Ma a sorprenderlo davvero fu la reazione del tassista...
Il tassista non solo non si scompose più di tanto: sorrise e salutò amichevolmente il guidatore disattento. David era incredulo: "Come hai potuto lasciarlo andare così? Stava per ucciderci!". Fu allora che David venne a conoscenza della "Legge del Camion della Spazzatura". Continuando a sorridere il tassista guardò David nello specchietto e disse:
"Un sacco di persone sono come camion della spazzatura. Vanno in giro pieni di ‘rifiuti': frustrazioni, rabbia, malcontento. Più questi ‘rifiuti' si accumulano e più loro sentono l'urgenza di cercare un posto dove scaricarli. E se glielo permetti, te li scaricheranno addosso. Quindi amico, quando qualcuno cercherà di scaricare la sua rabbia e la sua frustrazione su di te, non prenderla sul personale. Sorridi, augura loro ogni bene e vai avanti. Credimi: sarai più felice."

Niente male la filosofia di vita del tassista. Immerso tutti i giorni nel traffico cittadino doveva necessariamente elaborare delle personali tecniche di sopravvivenza.
In caso contrario le occasioni per litigare con qualcuno si sarebbero sprecate e gli effetti collaterali sulla salute sarebbero stati presto micidiali.
Ma lui decide di "vivere sereno". E ce la fa!
Chissà se siamo in grado di fare altrettanto. Chissà quanto spesso invece permettiamo agli altri di rovinarci la giornata. Per alcuni diventa persino una condizione patologica: il pensiero degli altri, il giudizio degli altri, l'opinione degli altri, la loro critica, la loro negatività... arriva a condizionare l'intera esistenza! Drammatico!
Cari ragazzi, non lasciatevi sommergere dalla spazzatura che altri vorrebbero buttarci addosso. La vita è bella, è meravigliosa, nonostante tutto e tutti, e spetta a noi viverla alla grande.
Dipende soprattutto da noi.
Ma c'è un'altro aspetto della questione: se fossimo noi a ritrovarci alla guida "del camion della spazzatura"? Su chi potremmo "scaricarla"?
Beh, c'è stato, in passato,  qualcuno che ha pensato di potersi far carico del male di tutta l'umanità, di tutta la sua "spazzatura".
E da quello che si racconta, da duemila anni a questa parte, sembra che coloro che hanno affidato a lui tutto il loro carico di negatività poi abbiano vissuto una vita straordinaria.
Forte no?
Dove possiamo incontrarlo?
Non ad un incrocio.  Ma su una croce.
Ma è un'altra storia e... ne riparleremo!

sabato 24 ottobre 2015

La strada per Dio

Molti eremiti abitavano nei dintorni della sorgente. Ognuno di loro si era costruito la propria capanna e passava le giornate in profondo silenzio, meditando e pregando. Ognuno, raccolto in se stesso, invocava la presenza di Dio.Dio avrebbe voluto andare a trovarli, ma non riusciva a trovare la strada. Tutto quello che vedeva erano puntini lontani tra loro nella vastità del deserto.
Poi, un giorno, per una improvvisa necessità, uno degli eremiti si recò da un altro. Sul terreno rimase una piccola traccia di quel cammino. Poco tempo dopo, l'altro eremita ricambiò la visita e quella traccia si fece più profonda. Anche gli altri eremiti incominciarono a scambiarsi visite.La cosa accadde sempre più frequentemente.
Finché, un giorno, Dio, sempre invocato dai buoni eremiti, si affacciò dall'alto e vide che vi era una ragnatela di sentieri che univano tra di loro le capanne degli eremiti. Tutto felice, Dio disse: "Adesso si! Adesso ho la strada per andarli a trovare".

L’anno scolastico è iniziato già da più di un mese. E ce ne siamo accorti, direbbe qualcuno di voi, cominciamo ad avvertirne il peso e la stanchezza... 
La scuola è un’esperienza impegnativa. Non solo per la fatica dello studio ma anche per l’inevitabile condizione di relazione che ci si trova a vivere, che lo vogliamo o no. Ci ritroviamo a trascorrere una buona fetta della nostra giornata gomito a gomito con compagni di viaggio che non sempre ci siamo scelti...
Siamo tentati spesso alla chiusura, alla cura del nostro personale orticello, ad evitare gli altri a meno che non siano “divertenti” tanto da distrarci dalle fatiche quotidiane.Scegliamo, selezioniamo e qualche volta arriviamo persino alla conclusione che è “meglio soli, che male accompagnati”.
Ma la solitudine non è umana... non potremmo sopravvivere a lungo senza gli altri. Prima o poi incontrare l’altro diventa necessario.
Ma c’è di più: la solitudine non è neanche divina!
Dall’antichità ci tramandano insegnamenti su Dio come relazione. Un Dio che non sa vivere da solo e non vuole vivere da solo. Perché è amore e l’amore è movimento verso gli altri.
Quando decidiamo di tagliare i ponti con i fratelli e di innalzare barriere, non solo ci affanniamo inutilmente alla ricerca di Dio (dov’è?), ma impediamo anche a Lui di avvicinarsi a noi, di venirci a trovare. Di un cuore che non sa amare non sa che farsene.
Comincia oggi il nostro cammino formativo.È anche questo un cammino da fare insieme agli altri. Da soli non andremmo da nessuna parte.
Buon viaggio allora. Buon viaggio della vita.

Il diamante

(Dal buongiorno al biennio del 27 ottobre 2016) C’era una volta un monaco che viveva poveramente e passava di villaggio in villaggio pa...