il blog del Don Bosco Ranchibile

giovedì 26 maggio 2016

Il narratore

Eccoci alla fine dell’anno.
E’ passato in fretta e, nel bene e nel male, ha lasciato delle tracce dentro di noi. Attorno a noi.
Sono qui per salutarvi, ancora una volta.
E’ l’occasione giusta per dirvi grazie. Grazie per la pazienza con cui, nella sonnolenza del mattino, avete prestato attenzione ed ascolto. Grazie soprattutto a coloro che con lo sguardo, con l’espressione del volto, qualche volta anche con le parole esplicite, hanno espresso interesse, comunione di idee, condivisione di vita.

Alcuni anni fa, concludendo un percorso di studi universitari, mi sono imbattuto in una tematica proposta dal MIT di Boston. La questione proposta era: in una società ipertecnologica ha ancora senso raccontare delle storie?
Attraverso una serie di letture filosofiche e la raccolta di dati ricavati dall’esperienza ero arrivato alla conclusione che “raccontare storie” (lo storytelling, come si dice nel mondo anglosassone) è connaturale all’uomo.
Possono cambiare modalità e strumenti, ma l’uomo ha sempre avuto ed avrà sempre bisogno di ascoltare dei racconti e raccontare la sua storia. L’uso che facciamo dei social media inerisce a questo bisogno.

Ma capita anche di chiedersi “perché”? A che scopo raccontare delle storie? Che ne ricavano gli altri? Che ne ricaviamo noi?
E... mi viene in mente una storia!

C'era una volta un narratore. Viveva povero, ma senza preoccupazioni, felice di niente, con la testa sempre piena di sogni. Ma il mondo intorno gli pareva grigio, brutale, arido di cuore, malato d'anima. E ne soffriva.
Un mattino, mentre attraversava una piazza assolata, gli venne un'idea. "E se raccontassi loro delle storie? Potrei raccontare il sapore della bontà e dell'amore, li porterei sicuramente alla felicità". Salì su una panchina e cominciò a raccontare ad alta voce. Anziani, donne, bambini, si fermarono un attimo ad ascoltarlo, poi si voltarono e proseguirono per la loro strada.
Il narratore, ben sapendo che non si può cambiare il mondo in un giorno, non si scoraggiò. Il giorno dopo tornò nel medesimo luogo e di nuovo lanciò al vento le più commoventi parole del suo cuore. Nuovamente della gente si fermò, ma meno del giorno prima. Qualcuno rise di lui. Qualche altro lo trattò da pazzo. Ma lui continuò imperterrito a narrare.
Ostinato, tornò ogni giorno sulla piazza per parlare alla gente, offrire i suoi racconti d'amore e di meraviglie. Ma i curiosi si fecero rari, e ben presto si ritrovò a parlare solo alle nubi e alle ombre frettolose dei passanti che lo sfioravano appena. Ma non rinunciò.
Scoprì che non sapeva e non desiderava far altro che raccontare le sue storie, anche se non interessavano a nessuno. Cominciò a narrarle ad occhi chiusi, per il solo piacere di sentirle, senza preoccuparsi di essere ascoltato. La gente lo lasciò solo dietro le palpebre chiuse.
Passarono cosi degli anni. Una sera d'inverno, mentre raccontava una storia prodigiosa nel crepuscolo indifferente, sentì che qualcuno lo tirava per la manica. Apri gli occhi e vide un ragazzo. Il ragazzo gli fece una smorfia beffarda:
"Non vedi che nessuno ti ascolta, non ti ha mai ascoltato e non ti ascolterà mai? Perché diavolo vuoi perdere così il tuo tempo?".
"Amo i miei simili" rispose il narratore. "Per questo mi è venuto voglia di renderli felici". Il ragazzo ghignò: "Povero pazzo, lo sono diventati?"."No" rispose il narratore, scuotendo la testa.
"Perché ti ostini allora?" domandò il ragazzo preso da una improvvisa compassione.
"Continuo a raccontare. E racconterò fino alla morte. Un tempo era per cambiare il mondo". Tacque, poi il suo sguardo si illuminò.
E disse ancora: "Oggi racconto perché il mondo non cambi me".

Continuate a raccontarvi delle storie, ragazzi, altrimenti il mondo vi cambierà.
Che siano vere o inventate poco importa, ma raccontatevi tante storie.
La vostra e quella di altri.
Non perdete mai l’occasione di viaggiare. Leggete. Leggete tanto e sperimentate quella che Umberto Eco chiamava “l’eternità all’indietro”, sperimentate quella straordinaria sensazione di attraversare i secoli e di sentirvi crescere acquisendo conoscenza, sapienza, saggezza.
Se sembra impossibile migliorare il mondo, almeno non permettiamo a questo mondo di peggiorare noi. Il resto sarà una conseguenza.
Buona estate, allora.
Che ad ognuno di voi sia concesso di vivere (e di raccontare) una storia meravigliosa.

mercoledì 18 maggio 2016

L'anello magico

L'anello magico

Un re convocò a corte tutti i maghi del regno e disse loro: «Vorrei sempre essere d'esempio ai miei sudditi. Apparire forte e saldo, quieto e impassibile nelle vicende della vita. A volte mi succede d'essere triste o depresso, per una vicenda infausta o una sfortuna palese. Altre volte una gioia improvvisa o un grande successo mi mettono in uno stato di anormale eccitazione. Tutto questo non mi piace. Mi fa sentire come un fuscello sballottato dalle onde della sorte. Fatemi un amuleto che mi metta al riparo da questi stati d'animo e sbalzi d'umore, sia quelli tristi che quelli lieti».
Uno dopo l'altro, i maghi rifiutarono. Sapevano fare amuleti di tutti i tipi per gli sprovveduti che si rivolgevano loro, ma non era facile abbindolare un re. Che voleva per di più un amuleto dall'effetto così difficile.
L'ira del re stava per esplodere, quando si fece avanti un vecchio saggio che disse: «Maestà, domani io ti porterò un anello, e ogni volta che lo guarderai, se sarai triste potrai essere lieto, se sarai eccitato potrai calmarti. Basterà infatti che tu legga la frase magica che vi sarà incisa sopra».
L'indomani il vecchio saggio tornò, e nel silenzio generale, poiché tutti erano curiosi di sapere la magica frase, porse un anello al re. Il re lo guardò e lesse la frase incisa sul cerchio d'argento: «Anche questo passerà».

"Anche questo passerà"! Perché tutto passa, bello o brutto che sia. Che lo vogliamo o no.
La nostra percezione cambia. Il tempo sembra dilatarsi, nei momenti più tristi o più difficili e sembra invece contrarsi nei momenti piacevoli. Ma nessun momento dura in eterno.
Quale conseguenza produce questa consapevolezza?  L'atarassia, di alcune scuole filosofiche dell'ellenismo, la tranquillità che nulla potrà turbare? È questo il massimo che possiamo desiderare?
Non sempre la tranquillità è sinonimo di vita. Il nulla, il Nirvana direbbe il pensiero buddista, è l'unica condizione per una vera tranquillità,  per una vera assenza di dolore, ma anche di passione.
Il cristiano però non vive così.  La sua serenità non è data dalla consapevolezza che "tutto passerà" ma dalla fede in qualcosa che non passa mai. Qualcosa che, per sua natura, è eterno: l'amore di Dio per ciascuno di noi. Per ciascun uomo!
Se Dio mi ama perché dovrei essere preoccupato?
Se Dio è con noi, dice san Paolo, chi sarà contro di noi?
Tutto passa. L'anno scolastico, che a settembre si presentava come un'eternità, è agli sgoccioli. È tempo di tirare le somme e la nostra tranquillità,  lo sappiamo, è direttamente proporzionale all'impegno speso.
Non facciamo della nostra preghiera una richiesta di riparazione.  Dio non è il nostro tappabuchi. Non rendiamo ridicola la più bella storia d'amore che potremmo vivere.
Piuttosto chiediamo questo: di essere capaci di percepire sempre,  nelle piccole cose quotidiane,  l'infinito amore che lui ha per noi. Da qui la nostra tranquillità.

mercoledì 4 maggio 2016

Il soldato e la bambina

Ci piacerebbe pensare che l’immaginazione sia sempre in grado di superare la realtà; che ciò che si racconta di brutto sia relegato nel mondo dell’improbabile o dell’impossibile e che ciò che si racconta di bello sia uno stimolo per realizzare di più e di meglio. 
Ma purtroppo così non accade.
Basta mettere a confronto un racconto (reale?) ambientato durante la prima guerra mondiale ed un post apparso sulla pagina Facebook di un giovane salesiano di Aleppo in questi giorni.

--------------------

Un soldato stava andando in avanscoperta quando scorse un nemico, in perlustrazione anche lui.
Si nascose dietro una roccia e prese la mira. Ma nel mirino... inquadrò una bambina che stava giocando. Osservò ad occhio nudo e rivide il nemico. Pensò di essere stato abbagliato dal sole e riprese la mira. Ma ricomparve la bambina.
«E’ sua figlia», disse una voce dietro di lui.
Il soldato si girò e notò un angelo.
«E’ sua figlia. Devi scegliere: se spari rimarrà orfana e soffrirà per tutta la vita; se non spari rischi di morire tu, perché anche il tuo nemico ti sta puntando».
Il soldato si ricordò della sua unica bambina che lo aspettava a casa. Pensava a quanto avrebbe sofferto. Capì che se avesse sparato, non se lo sarebbe perdonato per tutta la vita. Accettò di affrontare il destino e con le lacrime agli occhi si preparò a morire. Ma il nemico, dall’altra parte, invece di sparare fece un cenno di saluto e se ne andò.
Il soldato, stupito, si voltò verso l’angelo.
L’angelo sorridendo gli disse: «Anche lui, nel suo mirino, ha visto tua figlia».

---------------------

Carissimi amici e salesiani in tutto il mondo vi scrivo dalla città di Aleppo, che attualmente sanguina a causa dell'odio generato dalla mancanza di amore e di pietà. Vi scrivo mentre le bombe e razzi di tutti tipo piovono dal cielo suoi abitanti della città; non ci sono parole che possono descrivere ciò che stiamo vivendo.
La morte viene seminata tra bambini e giovani, vecchi e anziani, uomini e donne. Sembra che la lotta non vuole risparmiare nessuno... l'unico discorso che viene fatto tra la gente... è quello sulla morte.
Ad Aleppo stiamo vivendo una ingiustizia, uno scandalo che resterà impressa sulla fronte dell'umanità intera. Siamo nelle mani del Signore.Pregate per noi
D. Pier Jabloyan 03.05.2016 / ore 13:09Aleppo - Siria

----------------------

Non è Facebook ad indicare l’ora esatta e il luogo del post. E’ proprio Don Pier. Quasi a voler sottolineare, con precisione certosina, il luogo e il minuto esatto in cui può ancora affermare di essere vivo. Perché ogni certezza è smarrita.
Questo grido straziante di Don Pier è accompagnato da due foto. In una di esse sono presenti dei giovani che guardano, gli occhi smarriti, verso il cielo: probabilmente stanno osservando le infernali macchine che portano la morte. Forse la loro.
Nell’altra foto un giovane tiene tra le braccia un bambino con il corpo dilaniato da una esplosione. Una “pietà” che nessun artista si impegnerebbe a ritrarre.
Non c’è spiegazione. Non c’è ragione. No! La ragione non esiste più.
Se pensiamo di non poter fare nulla, non rimaniamo indifferenti al grido di don Pier.
Una preghiera.
Perché Dio manifesti la sua giustizia. Perché Dio manifesti il suo amore.

Il diamante

(Dal buongiorno al biennio del 27 ottobre 2016) C’era una volta un monaco che viveva poveramente e passava di villaggio in villaggio pa...