il blog del Don Bosco Ranchibile

Visualizzazione post con etichetta terra. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta terra. Mostra tutti i post

mercoledì 29 ottobre 2014

The last photo

Giochiamo spesso con la fantasia. E meno male che c’è ancora concesso.
Le occasioni non mancano, anzi.
Una di queste occasioni mi ha fatto riflettere particolarmente. Ritiro spirituale con una classe del biennio. Ripetiamo un gioco che ormai proponiamo da un po’: se per ipotesi una catastrofe stesse per abbattersi sul nostro pianeta e fossimo costretti a lasciare in fretta la nostra vecchia Terra... se ci venisse garantito tutto l’essenziale per sopravvivere e ci permettessero di portare con noi solo tre oggetti... a che cosa non rinunceremmo? Ve lo ricordate?
Le risposte sono varie e spesso si somigliano, o hanno delle analogie. Cerchiamo di individuare con esse a cosa davvero teniamo di più. Gli oggetti parlano di noi, a volte anche quando non ci siamo...
Bene. In una di queste occasioni mi ha molto colpito la considerazione di un ragazzo che ha detto: “Porterei con me la macchina fotografica, perché vorrei scattare un’ultima foto alla Terra, prima di andare via!”.
Un’ultima foto alla Terra. Caspita! Non ci avevo mai pensato. Diciamo tanto di amare la nostra Terra ma poche volte guardiamo le sue foto. Lo facciamo, normalmente, con le foto di qualcuno o di qualcosa a cui teniamo particolarmente.
Così in un attimo di pausa ho detto: voglio proprio vederla, la Terra!
Google Earth... la tecnologia ci viene incontro. E devo confermare che è proprio bella la Terra. Vista da fuori è meravigliosa... già è stupenda. Oserei dire commovente.
Ho visto la mia casa, ho visto la nostra scuola e ci si sente infinitamente piccoli.
Affascinante l’azzurro degli oceani, tranquillizzante il verde delle foreste, un po’ meno il giallo che nella parte centrale colora i deserti, incantevole il bianco  (sempre più ridotto) dei due poli.
Tutto così funzionale, tutto così organizzato, tutto così perfetto... meraviglioso!
Ma non appena proviamo ad ingrandire la foto per vederne i particolari i colori cambiano.
Vediamo il grigio delle città e dell’inquinamento selvaggio, riusciamo quasi a percepirne l’odore; il nero della miseria e della morte, il rosso del sangue... anche di tutto questo sembra sentire l’odore, e fa male. Colpisce allo stomaco. Ci sono elementi che non hanno colore né odore: le lacrime dei bambini, il silenzio di chi soffre e i sospiri di chi è solo... ne percepiamo il suono sommerso e tutto questo fa sempre male.
Quando scattiamo una foto chiediamo al soggetto ripreso di sorridere. Potremmo chiedere un sorriso anche al nostro pianeta? Certo che sì!
Se potessimo percepirne la voce, probabilmente riusciremmo a sentirne il battito del cuore: ci direbbe che siamo noi che, giorno per giorno, soffochiamo il suo sorriso, e che solo noi possiamo impegnarci, giorno per giorno, per farlo tornare a sorridere. Con le piccole cose,, con i piccoli gesti quotidiani, superando le barriere dell’orgoglio e dell’egoismo.
Amando chi ci sta accanto. Il prossimo appunto.
Non è poesia questa. Se è vero, come alcuni affermano, che anche il semplice cadere di una foglia si ripercuote in qualche modo in tutto il mondo, perché non dovremmo ritenere altrettanto potente il sorriso di un bambino, un piccolo gesto di amore, il dono di un sollievo?
Ci rendiamo conto di quale potente energia siamo custodi?
Impegniamoci allora per far tornare a sorridere la Terra... poi magari scattiamole pure una foto. Che non sia l’ultima.

Il diamante

(Dal buongiorno al biennio del 27 ottobre 2016) C’era una volta un monaco che viveva poveramente e passava di villaggio in villaggio pa...